Smartphone, parliamone

Parliamo di smartphone, in generale.

Senza entrare nel tecnico e soprattutto senza fare differenze di genere.

Cosa è cambiato dall’esplosione, non nascita, nel 2007, di questi cellulari?

A tutti noi, è cambiato tanto, anche per chi, di smartphone, non ne vuole possedere uno o nega questa comodità.

Il cambiamento non sta solo nella tecnologia impiegata per la costruzione di questi telefoni, sempre in continua e rapida evoluzione, quanto nel loro uso.

Riflettiamo bene alle infinite possibilità che abbiamo con un dispositivo in mano, alle centinaia di migliaia di app che posso scaricare dai vari store; forse non ci pensiamo più perché ormai lo diamo per scontato, ma lo sviluppo di queste piattaforme ha cambiato anche il nostro approccio pure con i pc che tanto abbiamo usato in anni precedenti.

Con un’app posso contattare una persona dall’altra parte del mondo come se fosse dietro casa, gestire il mio conto in banca, usarlo da navigatore, prenotare stanze, ecc.

Effettivamente, lo smartphone è diventato la nostra “protesi” in collegamento con il mondo intero.

Ovviamente non ci sono solo lati positivi, le conseguenze le vediamo ogni giorno.  C’è un uso, anzi abuso di questi dispositivi.

Le persone non si guardano più negli occhi perché sono sempre, perennemente, collegate con lo sguardo rivolto verso il basso.

Ho visto coppie andare a cena fuori dove ognuno era in compagnia del mondo intero, tranne di chi aveva di fronte fisicamente al tavolo.

Smartphone & people
Smartphone & people

Senza considerare la serie di incidenti stradali che ha causato l’uso del telefono.

Leggete il mio articolo “Incidenti sulle strade le 5 soluzioni che tutti sanno ma che pochi mettono in pratica”.

Con il nuovo sistema operativo iOS 12, Apple si impegna a fare in modo che l’utente riduca notevolmente l’uso intensivo dei suoi iPhone.

Io penso che non ci sia bisogno di manovre del genere quanto di una consapevolezza generale.

Tutto ciò che facciamo con lo smartphone è utile?

Soprattutto, mentre digitiamo, cosa stiamo perdendo di fronte al nostro sguardo?

A queste domande, con annesse considerazioni, lascio rispondere a voi.

Articolo aggiornato al 01/04/2019

Felicidad

Chord Sounds, Moby

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...