Ebbene sì, Spotify ha cambiato la musica, che lo vogliate o no.

Vi ricordate quando si andava dal negozio sotto casa e si comprava la musicassetta del vostro artista preferito?La cassetta musicale, antenata di Spotify

La cassetta musicale, antenata di Spotify

Oppure si potevano comprare cassette vergini e si registravano le canzoni direttamente dalla radio così le avevi sempre a portata di mano grazie al Walkman, il più famoso era quello della Sony.

Walkman Sony
Walkman Sony

Anni che sembrano secoli, le MC poi sono state sorpassate dai CD musicali e anche quelli, ora, non godono di buona salute.

Esattamente dal 2008 le cose sono cambiate da quando è entrato in campo Spotify.

Programma che tanti, ma non tutti, conoscono, e che permette l’ascolto di musica in streaming, cioè direttamente in internet, collegato quindi ad una rete.

Fin qui, nulla di nuovo ma analizziamo bene il vantaggio di usare questo programma, o concorrenti come Apple Music, Amazon Music, Deezer ecc. evitando discorsi tecnici e facendovi un esempio di come, effettivamente le cose sono cambiate.

Ritornando ai CD musicali, ormai hanno un costo di circa 10€, chi più chi meno, per un totale di 10/15 canzoni.

Una volta comprato ed ascoltato, questo cd, rimane a voi, è vostro, ne fate ciò che volete ma, le canzoni snob cambiano, non possono esserne aggiunte o tolte a vostro piacimento.

Su Spotify, come qualsiasi altro programma di musica, se prendete la versione Premium, poi parlerò anche di questo, al mese vi costa 9,99€ per avere più di 30 milioni di brani, ripeto, più di 30 milioni di brani che potete suddividere in vostre playlist, ascoltare quelle già esistenti o quelle che, settimanalmente, la piattaforma crea in base ai vostri gusti.

Non avete problemi di dove poter usufruire del servizio perché, Spotify, è presente in ogni tipo di dispositivo: pc, tablet, smartphone, Smart Tv, PlayStation ecc e tutte le vostre canzoni “seguiranno” il vostro profilo, senza perdere nulla.

Capite la differenza e quanto la tecnologia abbia reso anche la musica più semplice?

Se poi, non volete spendere dei soldi, potete registrarvi comunque al servizio ed usare un account Free, gratuito, potendo lo stesso ascoltare le vostre canzoni preferite ma con alcune limitazioni, sopratutto nella versione per smartphone con 30 secondi di pubblicità più o meno ogni 30 minuti di ascolto.

Siete una famiglia oppure un gruppo di 6 persone?

Esiste Spotify Family che permette di usare gli stessi servizi Premium con un costo di 2,50€ al mese a testa, meno di 3 caffè.

Questo per farvi capire che esiste una versione per tutti i gusti.

Lo so, tutti abbiamo scaricato canzoni ed inserite nel nostro lettore MP3 prima e nello smartphone poi, ma ora abbiamo tutti gli strumenti per ascoltare musica legalmente e, soprattutto, comodamente, rilasciando qualche “spicciolo” a tutti quelli che, ancora oggi, decidono di mettersi in gioco nel campo musicale.

In questo articolo ho parlato principalmente di Spotify in quanto è il programma più famoso ma, ripeto, ne esistono tanti altri che potete trovare nei link lasciati qualche riga sopra.

Ho parlato anche di streaming video nel mio articolo Prima c’era Netflix, poi tutti gli altri.

Raccontatemi cosa ne pensate di questa nuova tecnologia e se la usate.

Articolo aggiornato il 13/03/2019

Felicidad

Commenti

Lascia un commento