La mia rivoluzione Iliad, ha cambiato il mio approccio con le compagnie telefoniche.

Innanzitutto: cos’è Iliad?

È un operatore telefonico francese, uscito in Italia a fine maggio con una filosofia diversa rispetto alle aziende dello stesso settore a cui siamo abituati.

Conobbi Free Mobile e Iliad un anno prima della rivoluzione italiana.

Ai tempi mi piaceva andare a curiosare cosa offriva il sito originale, quello francese, e sapevo che, a distanza di mesi, sarebbe arrivato anche da noi, anzi, l’attesa mi caricava sempre di più.

Infatti fu così, il 29/05/18 ero tra i tanti che guardarono il Keynote, dal titolo #rivoluzioneIliad, in diretta YouTube.

Finita la presentazione non ci pensai due volte ad iscrivermi, non ne potevo più della mia vecchia tariffa con il precedente operatore e mi buttai, senza pensarci.

Volevo essere tra i primi di questo fantomatico milione di nuovi iscritti e fu così.

Ci furono un po’ di peripezie, lo ammetto, ma niente e nessuno mi voleva togliere il beneficio di avere tutto quel contenuto in una sola offerta per 5,99€ al mese, ora 7,99€.

Alle volte mancava la connessione, altre non si sentivano le telefonate e partiva la segreteria oppure non si connetteva in 4G ma io continuai a dare la fiducia a questa giovanissima azienda.

Sapevo che tutti questi fattori erano frutto di un inizio che, ovviamente, doveva sistemarsi, quindi, senza troppe polemiche, ho aspettato.

Rivoluzione Iliad
Rivoluzione Iliad

Cosa mi ha spinto a mantenere questa fiducia in un qualcosa che non conoscevo ancora bene?

La stanchezza nei confronti di tutte, e ribadisco tutte, le compagnie telefoniche italiane.

Sono passato da ogni gestore telefonico possibile: chi prendeva bene, chi aveva un buon costo ma alla fine dei conti, ognuna di loro, mi aumentava il piano tariffario di qualche centesimo senza avvertire oppure non potevo svolgere determinate funzioni senza pagare.

Attese infinite ai centralini per capire le mie problematiche ed anche, permettetemelo, un certo “snobbismo” nei confronti di me cliente.

Così ho pensato dopo aver visto la presentazione Iliad: “può andarmi veramente peggio di tutte queste?”

Al giorno d’oggi sono ancora convinto di questa scelta e, da quel che vedo, questa rivoluzione effettivamente c’è stata.

Ogni volta che passo in un centro commerciale, trovo ancora persone nei box Iliad, li riconoscete perché sono simili a grossi bancomat, a chiedersi cosa sia e come funziona, mentre le altre compagnie buttano fuori nuove tariffe di continuo per cercare di rimanere al passo con i tempi ed evitare di essere travolte ulteriormente.

Per quel che mi riguarda, non ci casco più, ora sono all’interno di questa rivoluzione e ci rimarrò per un bel po’ di tempo.

Aspettiamo e vediamo cosa succederà nel futuro, di sicuro, c’è ancora tanto da sistemare e lavorare ma penso che, oltre a me, tante, tantissime altre persone, si siano lanciate nella nuova avventura proprio per le mie medesime idee sui gestori telefonici.

Intanto aspettiamo una l’importante evoluzione del 5G.

Ultima tappa personale?

La cessazione della linea internet di casa per mantenere solo la connessione tramite smartphone.

Cosa ne pensate?

Ps. Non ho contratti di sponsorizzazione e non sono pagato da Iliad, tutto questo deriva solo dal mio entusiasmo in merito a questo settore.

Articolo aggiornato al 24/02/2019

Felicidad

Commenti

Lascia un commento